GEOMETRICO B&NGEOMETRICO col. GEOMETRICO fig. ASTRATTO TRENI BIOGRAFIA Rass. STAMPA

 

 

Evandro Muti inizia la sua carriera artistica nei primi anni settanta a Roma dove segue studi di Architettura, si appassiona alla “Bauhaus” e all’astrattismo geometrico, che seguirà con perseveranza. Alla sua prima esposizione nel 1971 seguiranno numerose mostre.
 Protagonisti assoluti della sua ricerca sono il segno, il colore e la luce. Quest’ultima per Evandro è la forza positiva che rende profondità al nero, che proietta gli oggetti, che delinea le ombre. Nelle sue opere c’è una sintesi astrattiva della forma nel segno, un segno puro, dal rigore stilistico, che rispecchia una profonda integrità mentale. E’ un artista con una tecnica accurata, che esprime un’intensa percezione della realtà di oggetti-simbolo, ingranditi, estrapolati dal loro contesto formale in una dilatazione dimensionale. La padronanza del colore e la levigata finitura del tratto gli conferiscono un’intensa raffinatezza. Nelle sue opere s’intravede l’intensa ricerca all’oggetto al frammento, al colore.

 

Dal 26 aprile al 4 maggio 2013 le opere di Evandro Muti saranno presenti al Centro d’Arte Vanio di Via Ostilia 43 in Roma, presso la Galleria Vista che ha accolto ben volentieri l’iniziativa. . La mostra, a cura di Paolo Berti, presenta il percorso di un artista che fa dell’immagine un feticcio attualissimo. Particolari sempre sotto gli occhi di tutti sono messi a fuoco ingigantiti sulle grandi tele con effetti cromatici così precisi da evidenziarne la tridimensionalità.  Essi sono tratti dai marchi, loghi, strutture in gran parte sotto i nostri occhi quasi quotidianamente, in modo a volte sub-liminale , speso non visti o meglio “non guardati” ma comunque componenti delle nostre giornate. Particolari di carrozze di treni, strutture secondarie di esse, angoli  e pezzi di una macchina che del simbolo fa immagine ,informazione, uso mirato e teso a muovere l’economia collettiva, per Muti diventano elemento di indagine e assurgono al ruolo di fondamenti contemporanei  da meritare la fissazione su un’opera d’arte. Muti, vincitore lo scorso anno della III Edizione del premio Centro per le Arti Figurative, nell’ambito dell’Esposizione Nazionale delle Arti Contemporanee, approda con questa Mostra a Roma, con l’intento di  porre maggiore accento sul concetto di“arte come contemporaneità e documentazione di una civiltà”.

 

Galleria fotografica inaugurazione mostra con file pps oppure con visualizzazione classica in html - Roma 24 settembre 2008

 

Copyright ©  "Evandro Muti"   -  Tutti i diritti riservati  -   E-mail: evandrom@alice.it

Web Master FVL